Liberalizzazione della pillola omicida RU486: reazioni ecclesiali?

2 CommentiDocumenti Vescovi,Legislazione nazionale,Pillola abortiva

Alla criminale decisione del Ministero della Sanità di sabato scorso 8 agosto ha risposto… il silenzio dei Vescovi!
Con un’unica lodevole eccezione, che vedete qui accanto: il Vescovo di Ascoli Piceno, Mons. D’Ercole.
Nomen homen, questo Vescovo coraggioso merita il grazie di tutti, incoraggiamento e preghiera.

Il generale silenzio sembra avvalorare la tesi che molti influenti Vescovi siano asserviti al Partito Democratico.
A questi nostri amati Pastori sottoponiamo una sintesi di ciò che può fare un Capo di Stato laico, laicissimo, che pure ha a cuore la vita umana: il Presidente Donald Trump.
Riflettano i nostri amati Pastori, riflettano!

Per quanto riguarda le Diocesi dell’Emilia-Romagna, chiediamo ai nostri amici e lettori se ritengano opportuna una nuova “supplica online tramite invio di e-mail” ai nostri 14 Vescovi: tra di essi, non pochi devono tacere perchè le priorità imposte dalla Conf. Episc. Regionale sono i clandestini, le lobbies LGBT, la dea natura, costruire ponti ai feroci islamici e ai comunisti (perchè i nemici di Cristo possano colpirci più facilmente).

—–

La campagna prolife del presidente Trump

di Tommaso Scandroglio

La campagna elettorale negli Usa è ormai iniziata. L’organizzazione pro-life Susan B. Anthony List ha stilato un elenco di iniziative che l’amministrazione Trump ha assunto a favore della vita nascente dal giorno del suo insediamento ad oggi, elenco che, probabilmente, dovrebbe stimolare i pro-life americani a votare per il rinnovo della carica.

Andiamo a spulciare in questo ricco elenco, aggiungendo allo stesso qualche altra notizia, anche per mostrare ai nostrani “cattolici” di area levantina che, almeno su questo aspetto della tutela della vita nascente assai fondamentale e scriminante, non c’è incompatibilità tra la politica di Trump e dottrina sociale della Chiesa, ma, anzi, pieno accordo.

(altro…)

Aborto fai-da-te, per la donna e i bambini non c’è Speranza

1 CommentoNatalità & fertilità,Pillola abortiva

Gravissima decisione del ministro Speranza dopo il parere del Consiglio superiore della Sanità: l’aborto tramite RU486 dovrà essere fatto in regime di day hospital.

Mezz’ora in ambulatorio e poi a casa dove la donna sarà lasciata sola con la morte del suo bambino tra effetti collaterali pericolosissimi e accertati ormai da tutta la letteratura scientifica.
Ecco lo spirito malvagio della 194.

Le nuove linee guida confermano l’orientamento di molte Regioni che hanno tollerato la firma anticipata per la fine del ricovero.
Così, la Governatrice leghista dell’Umbria si è adeguata quasi subito.

E’ necessario che ognuno si prepari e spieghi quanto accade al proprio vescovo e ai parlamentari della propria città.
—–

Mentre sotto il caldo agostano siamo tutti asfissiati dalle misure di sicurezza anti-Covid per tutelare la nostra salute volute dall’Istituto Superiore di Sanità e dal Governo, il Consiglio Superiore della Sanità e il Governo tolgono una misura di sicurezza a tutela delle donne che vogliono abortire.
Paradossi che si spiegano benissimo con l’arsura ideologica di questi nostri governanti di rendere l’aborto sempre più fenomeno privato, usuale, ordinario.

Il Ministro della Sanità Roberto Speranza, dietro il parere del Consiglio superiore della Sanità, ha deciso che l’aborto tramite RU486 dovrà essere fatto in regime di day hospital.
Mezz’ora in ambulatorio e poi a casa. Queste le indicazioni nelle nuove linee guida per la somministrazione di questo preparato abortivo.
Speranza ha dichiarato: «L’aborto farmacologico è sicuro. Va fatto in day hospital nelle strutture pubbliche e private convenzionate, e le donne possono tornare a casa mezz’ora dopo aver assunto il medicinale. Le evidenze scientifiche sono molto chiare. Il Consiglio di Sanità e la società di ostetricia e ginecologia hanno espresso un parere favorevole e univoco. Queste nuove linee guida sono un passo avanti importante e rispettano pienamente il senso della legge 194, che è e resta una norma di civiltà del nostro Paese».

Vedremo invece che queste linee di indirizzo contrastano con le evidenze scientifiche in merito agli effetti negativi della RU sulla salute della donna e contrastano con la lettera della 194.

(altro…)

Orrore: altri 76.328 morti per aborto procurato

4 CommentiDocumenti autorevoli,Natalità & fertilità,Pillola abortiva

Qualche giorno fa, finalmente, il Ministero della Salute ci ha svelato l’orrore della Relazione ministeriale sull’applicazione dell’iniqua legge 194/78 nell’anno 2018.

Il dato è di altri  76.328 bambini uccisi prima di nascere: un abominio che ciascuno deve denunciare, in maniera imperterrita, di tale iniqua di questa legge.

Nel 2018 c’è stato un ulteriore aumento del ricorso alla c.d. “contraccezione d’emergenza”, con un totale di confezioni vendute (Ellaone + Norlevo) di 598.167 confezioni.

(altro…)

Emilia-Romagna: Aumentano gli aborti, ma si nasconde la verità

Lascia un commentoDocumenti autorevoli,Legislazione locale,Pillola abortiva

Rapporto 2018 sugli aborti in Emilia-Romagna: si continua a nascondere la crescente diffusione delle pillole abortive.

L’Emilia-Romagna si conferma la Regione di morte: aumento delle giovani (14-25 anni) che utilizzano pillole del giorno dopo: +39,6% rispetto al 2017.
Aumentato il numero degli Spazi Giovani e gli Spazi GIovani Adulti: sono i luoghi dove viene regalata la pillola abortiva alle donne tra i 26 e i 45 anni.

Occorre ribadire che si tratta di pillole potenzialmente abortive: un paper scientifico (del prof. A. F. Filardo, vice presidente dei ginecologi), ci aiuta capire.

Qui il rapporto 2018 sugli aborti dell’Emilia-Romagna: http://www.difenderelavita.org/db/20191015_Rapporto_IVG_2018_definitivo.pdf

—–

(altro…)

La “pillola del giorno dopo” denunciata in Parlamento

Lascia un commentoLegislazione nazionale,Pillola abortiva
Ferrara. La “imponente” manifestazione contro la maternità e le mamme in difficoltà fatta dal Comitato “Non una di meno”: vale a dire che tale Comitato è composto da 14 persone, non una di meno.

Emilia-Romagna. Continua l’attenzione degli esponenti di Fratelli d’Italia nei confronti della difesa della vita nascente.
Come si ricorderà, il principio attivo della “Pillola del giorno dopo” è risultato provocare danni epatici (vedere: http://www.difenderelavita.org/e-salta-fuori-che-la-pillola-del-giorno-dopo-distrugge-il-fegato/).

Lo scorso giugno era stata fatta un’interrogazione sull’argomento dal consigliere Giancarlo Tagliaferri (FdI) che aveva ottenuto una risposta evasiva e pilatesca da parte dell’Assemblea Legislativa dell’Emilia-Romagna (vedere: http://www.difenderelavita.org/emilia-romagna-pillola-abortiva-gratis-fratelli-ditalia-non-ci-sta/).

Infine, il senatore Alberto Balboni (FdI) ha deciso di sottoporre il grave problema al Parlamento, depositando un’interrogazione a risposta scritta (vedere: http://www.senato.it/japp/bgt/showdoc/showText?tipodoc=Sindisp&leg=18&id=1105306 ) che riproduciamo integralmente:

(altro…)

Continua in Italia la strage abortista

Lascia un commentoDocumenti autorevoli,Pillola abortiva
Il ruolo crescente delle pillole “del giorno dopo”, spesso abortive: tra il 2015 e il 2017 le vendite sono praticamente raddoppiate.

Con leggero ritardo è stata presentata a Roma la relazione sull’attuazione della legge 194 che ogni anno, in una sorte di macabro rituale, il ministero della Salute porta all’attenzione del Parlamento italiano.

I dati definitivi del 2017 confermano il trend degli ultimi anni:

  • rimane costante il numero degli infanticidi prenatali legalizzati che si attesta intorno ad una cifra di poco inferiore alle 81.000 unità (l’intera popolazione di una media città italiana come Varese …) con una leggera flessione rispetto al 2016 (4,9 percento in meno), malgrado il generale calo delle nascite;
  • in costante crescita, invece, il numero degli aborti farmacologici, tanto che gli omicidi provocati dall’utilizzo della pillola Ru486 sono cresciuti del 5 percento in soli tre anni e nel 2017 hanno rappresentato il 17,8 percento del totale;
  • per quanto riguarda il ricorso alla contraccezione d’emergenza si registra un vero e proprio boom di vendite, in particolare della pillola del giorno dopo e di quella dei 5 giorni dopo (EllaOne), anche in considerazione del fatto che per acquistare tali prodotti cripto abortivi non vige più l’obbligo della prescrizione medica;
  • rimane stabile il dato sugli obiettori di coscienza e il ministero della Salute, basandosi su parametri di calcolo specifici come i carichi di lavoro settimanale per medico obiettore e la diffusione dei punti Ivg rispetto ai punti nascita, non rileva, purtroppo, particolari criticità nell’erogazione dei “servizi” di aborto.

(altro…)

E salta fuori che la “pillola del giorno dopo” distrugge il fegato!

Lascia un commentoLegislazione nazionale,Pillola abortiva

Lo Stato italiano: “l’uso di Esmya deve essere limitata e che sono necessarie misure per minimizzare il rischio di danno epatico” (AIFA – Agenzia Italiana del Farmaco: http://www.aifa.gov.it/content/nota-informativa-importante-su-esmya-ulipristal-acetato-03082018)
Anche l’Agenzia europea dei medicinali segnala gravi danni al fegato per chi assume un farmaco a base di Ulipristal acetato.
E’ lo stesso principio attivo contenuto nella EllaOne, la cosiddetta pillola dei 5 giorni dopo. Ma non viene fatta nessuna correlazione.
Perché? Forse perché i dosaggi sono diversi, ma è evidente che gli ideologi del socialismo statalista e welfarista se ne guardano bene dal parlarne, perché aborto e contraccezione non si possono toccare.

I rischi della pillola dei 5 giorni dopo che non ci dicono

di Tommaso Scandroglio

C’è una notizia che i media, eccezion fatta per quelli di settore, hanno pressoché snobbato. Il principio attivo della cosiddetta pillola dei cinque giorno dopo, pillola che può avere effetti anche abortivi, si chiama ulipristal acetato. Questo principio attivo è presente anche nell’Esmya, un farmaco per il trattamento dei sintomi da moderati a gravi dei fibromi uterini.

(altro…)

Emilia-Romagna: pillola abortiva gratis? Fratelli d’Italia non ci sta

Lascia un commentoPillola abortiva

Ad inizio 2018, l’allora Ministro della Salute Beatrice Lorenzin e l’Assessore alla Sanità dell’Emilia-Romagna avevano diffuso l’incredibile affermazione secondo la quale gli aborti sarebbero in calo (Cfr. http://www.marciaperlavita.it/articoli/regione-emilia-romagna-sempre-piu-aborti/ ).

Subito i movimento pro-life avevano fatto sostenuto la falsità della tesi (Cfr. tra i tanti: http://www.difenderelavita.org/bugie-sul-calo-degli-aborti-il-silenzio-sulla-pillola-omicida/ ), costruita nascondendo il numero di “pillole del giorno dopo” distribuite gratuitamente dlle aziende sanitarie delle varie Regioni.

Dopo un’azione di sensiblizzazione svolta da fattisentire.org, un coraggioso esponente di Fratelli d’Italia interroga la Giunta regionale chiedendo di rendere noti i numeri della bugia.
Qui l’interrogazione: http://demetra.regione.emilia-romagna.it/al/articolo?urn=er:assemblealegislativa:attoispettivo:10;6709 ).

Qui di seguito il

COMUNICATO STAMPA

Sanità. Tagliaferri (Fdi) critico su contraccezione d’emergenza: giunta chiarisca sui numeri in regione

Il consigliere critica “una strisciante e mai annunciata autorizzazione all’aborto continuo e ripetitivo”

Quali i numeri relativi alla contraccezione d’emergenza erogata gratuitamente attraverso i Consultori Familiari e gli Spazi Giovani, i costi sostenuti dalla Regione Emilia-Romagna nei primi mesi del 2018 e il numero di prestazioni destinate a minorenni.
È Giancarlo Tagliaferri di Fratelli d’Italia a intervenire, con un’interrogazione rivolta al governo regionale, sul tema contraccezioni cosiddette d’emergenza, come pillola del giorno dopo e pillola dei cinque giorni dopo.

(altro…)