Minorenni: è boom di aborti

Natalità & fertilità

Minorenni dal sesso facile. È boom di gravidanze e aborti

Hanno al massimo 16 anni, fanno sesso con i coetanei per una ricarica. E la pagano cara.

Milano. Il sabato mattina le trovi in coda alla clinica ginecologica a chiedere la pillola del giorno dopo.
Accompagnate dalla mamma. Oppure le vedi con lo sguardo basso nelle sale d’attesa, in fila per interrompere la gravidanza.
Il cellulare in una mano e lo smalto sbeccato sull’altra.
E hanno 15 anni, al massimo 16. Bambine che rischiano di avere bambini e che fanno sesso così, tanto per fare.

I medici del Policlinico di Milano hanno dato un nome alla nuova «patologia» delle teen ager. La chiamano banalizzazione del sesso.
I numeri non sono significativi del fenomeno, ancora molto contenuto e silenzioso, ma parecchi casi degli ultimi anni hanno lasciato senza parole anche ginecologi della portata di Alessandra Kustermann che, nella sua attività trentennale, credeva di averle viste tutte.
Credeva, appunto. E invece ora si trova sempre più spesso di fronte a ragazzine con l’apparecchio ai denti che chiedono di abortire. «Tante hanno rapporti sessuali completi con i compagni di classe in cambio di una ricarica del telefono. E non si rendono conto che anche questa è una forma di prostituzione».

Ovviamente nulla a che vedere con le baby squillo dei Parioli di Roma: in quel caso i clienti erano tutti maggiorenni e si parlava di un giro consolidato di giovanissime escort.
Ma anche spogliarsi, farsi palpeggiare nei bagni della scuola, o fare sesso col primo che capita in cambio di una borsa di Zara e di un piccolo regalino ha qualcosa di inquietante.

«Abbiamo a che fare sempre più spesso con ragazzine inconsapevoli, che non si rendono conto del significato del sesso (e figuriamoci dell’amore) – racconta la Kustermann – Le assistiamo anche dal punto di vista psicologico: sono fragilissime, insicure ed hanno una bassa considerazione di sé e un rispetto nullo del loro corpo».
Ça va sans dire, nessuna di loro usa precauzioni, né ha partner abituali.
Non stiamo parlando solamente di ragazzine provenienti da ambienti disagiati, costrette a diventare grandi più in fretta. Ma di liceali delle «famiglie bene».
Che evidentemente [rassicurate dai corsi di educazione all’affettività fatti dalle Aziende Sanitarie Regionali nelle scuole, NdR] in testa hanno parecchia confusione sul significato di rapporto sessuale e che cambiano partenr con un po’ troppa facilità.

C’è un dato, parziale, del fenomeno. Il numeri delle certificazioni di interruzione di gravidanza registrato dall’Ats Milano: nel 2015 le minorenni che hanno chiesto di abortire sono state 60, il tre per cento del totale e un po’ meno rispetto all’annus horribilis, il 2014, quando ne furono registrare 140.
«Ma bisogna tener conto – spiega Aurelio Mosca, direttore del dipartimento famiglia dell’Ats milanese – che il certificato di interruzione di gravidanza, oltre che nei consultori Ats, può essere rilasciato anche da un medico di base o da un ginecologo privato».
Quindi il dato fotografa solo una parte di quello che accade.

È la stessa Alessandra Kustermann a proporre di cominciare a monitorare il fenomeno, che sicuramente è in crescita. «Bisogna anche lavorare sulla sensazione di sopraffazione psicologica – sostiene la Kustermann – ascoltare i nostri ragazzi, educarli ai sentimenti. Tempo fa nelle scuole della Lombardia si faceva un gioco di ruolo sulle emozioni e sull’accesso alla fisicità molto profondo e utile».
Ecco, ora quel corso, intitolato «Le parole non dette» [produce le sue logicje conseguenze, NdR].
E il presupposto resta comunque uno: l’educazione al sesso e all’amore si fa, ogni giorno, prima in famiglia che da dietro una cattedra.

Alessandro Albizzati, neuropsichiatra all’ospedale San Paolo, denuncia il nuovo male che colpisce, ahimé, fili e genitori: «la mancanza di valori». E forse è da qui che bisogna ripartire.

Maria Sorbi per: http://www.ilgiornale.it/news/cronache/minorenni-sesso-facile-boom-gravidanze-e-aborti-1320785.html
_____

SE RISIEDI IN EMILIA-ROMAGNA SOTTOSCRIVI QUESTA PETIZIONE:
LA TUA RICHIESTA ARRIVERA’ AI CONSIGLIERI DELL’OPPOSIZIONE
per invitarli a vigilare sulle Ausl e a lottare per difendere la vita

http://www.difenderelavita.org/minorenni-e-boom-di-aborti/

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *