Dichiarazione sulla caduta della fecondit? nel mondo

Documenti autorevoli

Il Pontificio Consiglio per la Famiglia offre dati di fatto ed elementi di giudizio in tema di popolazione e di politiche antinataliste che s?impongono all?attenzione e alla riflessione dei responsabili politici e di tutti gli uomini di buona volont?. Sui 185 paesi del mondo, 51, pari al 44% della popolazione totale, vedono un numero medio di figli per donna inferiore a 2,1, cio? al necessario per garantire il ricambio generazionale. Questi dati mettono in crisi la tanto diffusa quanto infondata teoria malthusiana, che prevede l?esplosione irrimediabile della “bomba popolazione”, e impongono una meditazione su cause, conseguenze ? e possibili rimedi ? dell?attuale tendenza demografica, richiamando l?attenzione non solo sui fattori economici, ma anche su quelli culturali.

(altro…)

La Chiesa nella lotta fra la

Articoli

 Dopo il quarto Concistoro straordinario

La Chiesa nella lotta fra la “cultura” della morte
e la civilt? dell?amore
Esposizione e considerazioni a margine dei temi della relazione generale svolta da S. Em. il card. Joseph Ratzinger sul problema delle minacce alla vita umana nel mondo attuale.

(altro…)

Educare le coscienze

Magistero

Educare le coscienze
contro l’applicazione rigida del principio del profitto e contro la democrazia avulsa dai princ?pi morali
che governano la giustizia e rivelano il bene comune

Giovanni Paolo II,  Discorso a rappresentanti di Organizzazioni non-governative e di Agenzie internazionali, a Roma in concomitanza con il Vertice della FAO, del 12-11-1996, nn. 2-4, in L’Osservatore Romano, 13-11-1996.

(altro…)

BoyKott Famiglia Cristiana

Minacce alla vita


Clicca sull’immagine per leggere l’ambigua risposta e poi salvala sul tuo pc per ingrandirla, stamparla e portarla al tuo parroco

A un lettore che segnalava come, a causa della legge che favorisce l’aborto, in Italia muoiono ogni anno 130.000 bambini, il settimanale Famiglia Cristiana ha ambiguamente risposto: “non ? la legge che uccide, ma sono le persone… la legge non ha reso innocente l’aborto” (n? 5 del 29-1-06, pag. 9).
Per ogni persona che agisca in base a una coscienza etica, ? un dovere rendere difficile l’uccisione di un essere umano. Tale dovere, per un cattolico, diviene per? un obbligo morale: egli deve agire in modo che le leggi dello Stato siano il pi? possibile a misura d’uomo e secondo il piano di Dio (si veda: Congregazione per la Dottrina della Fede,

Nota sull’impegno e il comportamento dei cattolici nella vita politica, n? 4, dove la lotta alla legislazione abortista ? al primo posto delle “esigenze etiche irrinunciabili”).

Tuttavia, l’ambiguit? del settimanale “cristiano” induce a pensare ad una vera malizia a causa del fatto che proprio in queste settimane hanno corso – finalmente! – alcune iniziative del Governo che mirano a verificare se quanto la legge abortista dispone come “prevenzione” sia stato applicato
La gravit? della presa di posizione del periodico gestito dai Paolini ? ulteriormente accresciuta dalla sua enorme diffusione (900.000 copie settimanali di cui 300.000 abbonamenti) e dalla sua capillare presenza nelle chiese, famiglie e persone sensibili.
Nonostante il “commissariamento” voluto dalla Conferenza Episcopale nel 1997, e l’allontanamento (voluto dal Vaticano) nel 1998 dell’allora Direttore, il settimanale pi? diffuso d’Italia continua a far dipendere le scelte religiose ed etiche dalle simpatie partitiche della sua redazione.
Invitiamo tutti gli italiani – laici o credenti – a sottoporre al vescovo della propria zona il “problema Famiglia Cristiana. Identica domanda pu? essere rivolta – di persona – al proprio parroco, cliccando su
BoyKott Famiglia cristianahttp://www.fattisentire.net/modules.php?name=invio_mail4 (altro…)

PILLOLE AMARE: BoyKott Norlevo!

Minacce alla vita

La cosiddetta “pillola del giorno” viene assunta per abortire a gravidanza appena iniziata.
Dal 2002 L’ASSOCIAZIONE COMUNIT? PAPA GIOVANNI XXIII ha dato corso a una campagna di pressione rivolta nei confronti della casa farmaceutica ANGELINI e poi della SCHERING, perch? sia ritirata dal commercio la cosiddetta “pillola del giorno dopo” (Norlevo, Levonelle, Mirena), pena il non acquistare pi? farmaci delle due case farmaceutiche.
Purtroppo, dopo vari incontri con tali ditte e promesse, nulla ? stato ottenuto.
FattiSentire.net invita tutti i propri lettori ad aderire a tale campagna di pressione e a manifestare il proprio dissenso.
Per farsi sentire cliccare qua: http://www.fattisentire.net/modules.php?name=Sections&op=viewarticle&artid=58

(altro…)