GEDDA, NIENTE EUGENETICA

Minacce alla vita

IL CASO Un libro accusa il genetista, ma la condanna del razzismo nazista fu netta
GEDDA, NIENTE EUGENETICA

    Gi? negli anni ?30 prese posizione contro le derive degli esperimenti sull?uomo nei laboratori. La verit? dei contatti con Von Verschuer

Luigi Gedda paladino dell’?eugenetica razzista?, colluso con ?studiosi coinvolti nei progetti della scienza della morte nazista?? Lo storico presidente dell’Azione Cattolica, campione dell’apostolato laico, sarebbe stato dedito ad esperimenti sulla scia di Josef Mengele? La tesi, a dir poco strampal …
  DI ANDREA A. GALLI
da Avvenire-Agora di Sabato 25/02/2006

(altro…)

L’eugenetica, da Darwin all’America

Minacce alla vita

Alcune istituzioni Usa favorirono l’ingresso di queste tecniche in Germania L?et? dell?oro delle ricerche sui processi di trasmissione dei caratteri genetici furono gli anni Trenta negli States. La spinta venne da un movimento che auspicava una politica di miglioramento del patrimonio ereditario degli individui

Di Mario A. Iannaccone
Mercoledi 08 marzo 2006

(altro…)

Gedda, scienza senza eugenetica

Minacce alla vita

DIBATTITO
Uno dei pi? stretti collaboratori del genetista cattolico interviene sulle critiche di razzismo rivoltegli recentemente E ne ricorda atteggiamento etico e condizionamenti storici

Su Repubblica del 24 febbraio, Simonetta Fiori, prendendo spunto dal libro di Francesco Cassata ?Molti, sani e forti. L?eugenetica in Italia? (Bollati Boringhieri, pagine 396, prezzo 34,00 euro) firmava un articolo dal titolo ?Se il genetista ? un razzista. La destra cattolica di Gedda alla scuola di Mengele?, accostando la figura di Gedda a quella, niente meno, del pi? noto medico-sterminatore nazista. A due articoli in difesa del genetista cattolico apparsi su Avvenire il 25 febbraio (Andrea A. Galli) e l?8 marzo (Mario A. Iannaccone) ha risposto su Repubblica il 10 marzo Francesco Cassata, con replica di Iannaccone su Avvenire il giorno seguente. Un duro botta e risposta sempre sull?ultimo libro di Cassata si ? tenuto sul Foglio tra l?autore del libro e Giorgio Israel (21, 28 e 29 marzo). Su Gedda interviene oggi Paolo Parisi, ordinario di biologia allo Iusm di Roma.

Di Paolo Parisi
Avvenire – Agora di Mercoledi 05/04/2006

(altro…)

A chi piace la nuova legge sulla fecondazione assistita?

Articoli

di Claudia Navarini – www.zenit.org – 28 marzo 2004

La legge n. 40 del 19 febbraio 2004, intitolata “Norme in materia di procreazione medicalmente assistita”, è ufficialmente in vigore da mercoledì 10 marzo. Entro trenta giorni i centri di fecondazione artificiale dovranno comunicare al Ministero della Salute il numero degli embrioni già prodotti in vitro prima della legge e crioconservati. Fra poco più di un mese, dunque, sapremo più precisamente a quanto ammonta questo popolo di minuscoli esseri umani in attesa di destinazione. Saremo anche informati sul numero di nuovi embrioni prodotti in vitro a scopo di impianto e sulla relativa percentuale di nati con tale metodica in Italia. Si tratta indubbiamente di un passo avanti rispetto alla situazione precedente, in cui una fitta giungla di cliniche, istituti, servizi si avvalevano delle tecnologie riproduttive ciascuno con il proprio regolamento, con la propria etica, con i propri dati. (altro…)