Altra emergenza del Governo: ci vuole tutti tossicodipendenti

Lascia un commentoDroga,Legislazione nazionale,Strumenti per il socialismo

In questi giorni sono stati pubblicizzati alcuni casi di cronaca (qui e qui) per far passare la proposta di legge che prevede la liberalizzazione della cannabis.
E’ una tecnica nota, nella quale Marco Cappato (il radicale pilotato dal Partito Democratico) è maestro e, infatti, è anch’egli promotore della libera diffusione della cannabis (qui).

Come ammettono gli stessi promotori, la “depenalizzazione per uso personale” è solo un primo passo, il più facile da far passare oggi, indispensabile per aprire una breccia nella legislazione nazionale.

Che non si tratti di episodi casuali è confermato dalla richiesta di circa 100 parlamentari al presidente del Consiglio per chiedere di discutere di legalizzazione della cannabis agli Stati generali per il rilancio economico del paese… cosa c’entri l’economia lo san solo loro.

Il centro-destra vigila sulle mosse dissolutrici del Partito Democratico, lanciando lo slogan: “il governo chiude le scuole e vuole distribuire le canne”.
La posta in gioco è altissima perché – attraverso gender, eutanasia, droga e altri provvedimenti – si vuole distruggere l’identità italiana: per questo tutti dobbiamo tenere gli occhi aperti e sensibilizzare chi vuole difenderla.

A questo scopo si propone una lunga ma utilissima intervista fatta dalla dotorressa G. Brambilla.

(altro…)

La droga in Italia: soddisfatti di “ridurre” danni che aumentano?

Lascia un commentoDocumenti autorevoli,Droga

Nei primi giorni di dicembre il Dipartimento per le Politiche antidroga della Presidenza del Consiglio, organismo istituzionalmente dedicato alla prevenzione e al monitoraggio delle tossicodipendenze, ha diffuso la sua annuale Relazione al Parlamento sullo stato delle varie dipendenze in Italia, utilizzando dati relativi per la gran parte al 2018. Colpisce l’indifferenza mediatica al documento, ignorato da quasi tutte le testate.

Premesso che la Relazione va studiata nell’interezza delle sue quasi 300 pagine – http://www.politicheantidroga.gov.it/it/attivita-e-progetti/relazioni-annuali-al-parlamento/relazione-annuale-al-parlamento-sul-fenomeno-delle-tossicodipendenze-in-italia-anno-2019-dati-2018/ -, provo a ricavarne un abstract, da intendere come invito alla lettura, diviso per voci significative.

Tre dati emergono fra i tanti, e chiamano in causa:

  1. la diffusione delle sostanze stupefacenti, che ha raggiunto un terzo della popolazione giovanile;
  2. l’insuccesso della prevenzione, correlata al grado di consapevolezza;
  3. l’inesistenza del recupero.

Va poi aggiunta qualche annotazione sul contrasto e sui costi.

(altro…)

Terapeutica o ricreazionale? L’inganno sulla cannabis

Lascia un commentoDroga,Legislazione nazionale

I dati del World Drug Report 2018 dell’UNODC registrano che almeno 192 milioni di persone l’hanno consumata almeno una volta nell’ultimo anno. Un dato in crescita costante che va di pari passo con l’aumento della popolazione mondiale. La preoccupazione dell’ufficio antidroga dell’Onu è legata alla contradditorietà degli usi: da un lato la cosiddetta cannabis terapeutica, una “bomba atomica” che non viene studiata dal punto di vista farmacologico e dall’altro l’uso ricreazionale, che sta sviluppando una potente lobby commerciale. Una contraddizione che gioca sull’ignoranza e su campagne ideologiche di liberalizzazione. 

-IL REPORT: DROGA A FIUMI, LA POLITICA HA FALLITO/1
-LA CAMPAGNA DELLA NUOVA BQ: IL POTERE DIVORA I GIOVANI

 

Per quanto riguarda la cannabis i dati del World Drug Report 2018 dell’UNODC registrano che almeno 192 milioni di persone l’hanno consumata almeno una volta nell’ultimo anno. Il dato è in crescita del 16% rispetto al decennio 2006-2016 e va di pari passo con l’aumento della popolazione nel mondo.

Un altro fattore di preoccupazione è rappresentato dalle liberalizzazioni di alcuni Paesi, come il Canada e l’Uruguay, dove è stata totalmente sdoganata. E qui si scopre che le campagne di liberalizzazione che sono fiorenti anche in Italia giocano su una contraddizione in atto che però non viene mai affrontata.

(altro…)