Oggi l’esecuzione di Alfie? Il giudice: «È una vita inutile»

2 CommentiMinacce alla vita

Il resoconto di una sentenza grottesca, dove con la scusa della “privacy” il giudice ha detto che la vita di Alfie è «inutile» e ha scelto di silenziare la stampa tacendo la data della rimozione dei sostegni vitali di Alfie.
Ma fonti vicine alla famiglia ci fanno sapere che sarà domani (venerdì).
Gli avvocati hanno presentato una mozione: «Non abbiamo perso la speranza».

Si è tenuta ieri l’udienza per decidere quando Alfie Evans dovrà morire. Un’udienza tremenda.
Dove per silenziare la stampa si è vietato di divulgare la data dell’esecuzione, anche se fonti vicine alla famiglia hanno confermato che sarà domani.
Dove si è finto di preoccuparsi per la salute del piccolo mentre si decideva di ucciderlo e quando ci sono prove che mostrano i tubi attraverso cui Alfie viene ventilato pieni di muffa.
Perché invece di sostituirli dopo 6 settimane (come da prassi) furono cambiati solo dopo 5 mesi.

(altro…)

Una luce sull’orrore dell’aborto

Lascia un commentoMinacce alla vita

La caccia ai preti delle “Iene” stavolta ha acceso una luce sull’orrore dell’aborto

di Virginia Coda Nunziante, portavoce di http://www.marciaperlavita.it/liniziativa-2/

Le frontiere dell’etica – Smascherato sacerdote che mette incinta una ragazza, poi convinta a non tenere il bimbo. Ma la terribile vicenda svela la sacralità della vita.

Quest’anno ricorre il triste anniversario della legge 194 del 22 maggio 1978, che introduce l’aborto in Italia.
E’ una triste ricorrenza perché i dati del Ministero della Salute ci dicono che sono quasi 6 milioni i bambini che sono stati soppressi grazie a questa legge legge.
Una legge che dovrebbe far indignare qualsiasi cittadino italiano ma che invece, come tante altre leggi contro la vita e la famiglia, è entrata nei costumi del nostro paese.
Ormai non ci si pone neanche più il problema, perché nell’immaginario collettivo, quell’esserino minuscolo che si forma nell’utero materno e che poi si sviluppa, non è altro, nella migliore delle ipotesi, che un grumo di cellule. E come grumo di cellule può e deve essere eliminato senza scrupoli se dà il benché minimo disturbo. (altro…)

Alfie morirà come Charlie

1 CommentoMinacce alla vita
  • EUTANASIA DI STATO
  • Il bambino vive nonostante i pronostici medici e interagisce pur sedato.
    Ma per il giudice: “Ha bisogno di pace”, quindi va fatto morire soffocato.
    Ancora una volta, come avvenuto con Charlie e Isaiah,
    una “qualità di vita” lontana da quella che la cultura edonista ha stabilito, è ritenuta inaccettabile.
    “Capite che mio figlio è stato condannato a morte?”, ha dichiarato il padre: “Aiutateci così”.

Alfie morirà come Charlie. Il padre: “Non ci arrendiamo”

La scienza e l’utero in affitto

Lascia un commentoMinacce alla vita

Si sente spesso dire che “le ricerche scientifiche non dimostrano che esista alcun problema per un bambino a crescere senza padre o senza madre, con due maschi o due femmine...”.
Così, tirando il ballo la parola “scienza”, si vorrebbe confinare nel territorio dell’irrazionalità coloro secondo i quali padre e madre sono necessari al benessere psico-fisico di ogni creatura.

Ma queste ricerche “scientifiche”, sono davvero tali?

In verità la ricerca psicologica non è mai scientifica in senso pieno perché si applica non ad un oggetto semplice (un sasso, una piuma), ma ad un soggetto complesso, una persona, che è anima, corpo; perché ciò che viene indagato, la felicità, il benessere psichico, è escluso a priori dall’indagine scientifica di tipo galileiano, in quanto né misurabile né quantificabile.
Infatti mentre di un oggetto possiamo dire quanto pesa e quale sarà il suo comportamento in una determinata circostanza, non potremo mai fare lo stesso per una persona umana, dotata di libertà. (altro…)

Pillola del giorno dopo: la verità

Lascia un commentoMinacce alla vita

Le evidenze della scienza e le conseguenze per l’obiezione.
Ecco la verità sulla pillola del giorno dopo

Abortiva o no? Impedisce la vita dell’embrione.
Eppure l’agenzia del farmaco sostiene che agisca solo prevenendo l’ovulazione.

 

Quando una donna ha un rapporto non protetto nel giorno che precede l’ovulazione (quello più fertile e con la massima frequenza di rapporti) e il giorno dopo ovula, può concepire entro 24 ore dall’ovulazione, essendo l’uovo disponibile per 24 ore. Il concepimento può avvenire quindi entro due giorni da quel rapporto.

 

Sorge dunque un quesito: se EllaOne può essere assunta con efficacia costantemente superiore all’80% fino a cinque giorni dopo quel rapporto, e cioè fino a quattro giorni dopo l’ovulazione (avvenuta nel giorno successivo al rapporto), e tre giorni dopo il concepimento che ne fosse seguito, come può invocarsi un effetto anti-ovulatorio?

 

Eppure l’Ema (European Medicines Agency, l’ente regolatorio europeo), l’Aifa (l’ente omologo per l’Italia) e le più note Società Scientifiche sostengono che questi farmaci agiscono soltanto prevenendo l’ovulazione.
Non si può mentire su queste tematiche: è in gioco il rispetto per la vita umana dal suo inizio, valore cardine della nostra civiltà, fondamento della Costituzione e delle nostre leggi, della stessa 194 all’articolo 1 e, prima ancora, della legge 405/75 che alla «tutela della salute della donna e del prodotto del concepimento» finalizza la procreazione responsabile.

 

Disinformare su questi temi significa impedire alle singole persone di operare scelte libere proprio in quanto informate, calpestare la libertà professionale dei medici, negare ai politici la possibilità di legiferare in base a conoscenze documentate e ai giudici la possibilità di giudicare rettamente.
Mentire su questi temi è ancora più grave se a farlo è chi, per mandato, questa conoscenza dovrebbe invece garantire.

Charlie e le quattro spaccature dei pro-life

Lascia un commentoMinacce alla vita

Il caso del bambino inglese ha interrogato il mondo intero sulla vita e sulla morte. svelando i pensieri di molti cuori.
La vicenda solleva una domanda cruciale: la sofferenza ha un valore?

Non c’è via di mezzo: o la vita di ogni creatura e veramente di Dio e Dio è un padre buono, oppure l’uomo, sentendosi migliore di lui, si sostituisce al creatore, in fondo considerato sadico e crudele se permette la sofferenza di un suo figlio.
Il dramma, però, è che oggi le due visioni opposte non sono più nettamente attribuibili l’una ai cristiani e l’altra agli atei, ma si confondono fra fedeli e non. Svelando quanto la mentalità dei credenti si sia conformata a quella mondana.
È stata forse questa la principale funzione della vicenda legata alla malattia del piccolo Charlie Gard che ha interessato tutti i media occidentali: svelare i pensieri profondi di molti cuori su una questione, apparentemente di settore (cosa sia o non sia “accanimento terapeutico”), ma in realtà fondamentale (il senso e l’accettazione della sofferenza), chiarendo che non è più possibile stare nel mezzo. Bisogna scegliere, o con il mondo o con Cristo. (altro…)

Bugie sul calo degli aborti: il silenzio sulla pillola omicida

Lascia un commentoMinacce alla vita

http://www.adnkronos.com/fatti/cronaca/2016/03/14/pillola-del-giorno-dopo-per-maggiorenni-non-servira-ricetta_Ba2qb3AZBWaHZ1wYTSJViK.htmlDa ogni parte si esalta il fatto che il numero degli aborti sia in calo.
Tuttavia si tace sull’aumento esponenziale delle vendite della “pillola del giorno dopo”: i dati raccolti da Federfarma – su richiesta del Partito democratico lombardo – stimano in 250.000 le confezioni per anno.

Come sempre, la Regione Emilia-Romagna costituisce l’esempio più eclatante di questa falsità: da un lato il calo del numero di aborti procurati viene presentato come “segno di crescita della maturità affettiva” dovuto alle politiche educative promesse dall’Assessorato alla sanità.
Dall’altro si tace su quel che fanno le Aziende Sanitarie Locali (che, ad es. nella provincia di Bologna sono ben 30!) in tema di contraccezione d’emergenza, cioè della diffusione della pillola omicida.

Questa falsa vittoria, che puzza solo di morte, è stata di recente svelata da FattiSentire! e dall’Associazione Giovanni XXIII. (altro…)

Regalo di Natale dal Governo: eutanasia

Lascia un commentoMinacce alla vita

Buona parte dei politici italiani e dell’associazionismo militante, nonché uomini di cultura di differente estrazione e un’ottima fetta del mondo cattolico – o sedicente tale – hanno deciso di fare un bel regalo di Natale agli italiani: varare una norma che legittimerà l’eutanasia.

Il 20 aprile 2017 veniva approvato dalla Camera un disegno di legge dal titolo “Norme in materia di consenso informato e di disposizioni anticipate di trattamento” che rappresenta un Testo unico di più proposte legislative sul tema. Da allora il testo era fermo al Senato. Ma martedì prossimo verrà calendarizzato il Ddl e, così pare, sembra che potrà venire approvato addirittura prima di Natale.

I numeri per far passare la legge ci sono tutti. Infatti a favore sono PD, M5S, PSI, Movimento democratico e progressista, Sinistra italiana e CP. Invece la Lega e i senatori di Idea voteranno contro (Fratelli d’Italia non ha rappresentanti a Palazzo Madama). In mezzo al guado, ma in realtà molto più spostati sul fronte dell’approvazione della legge, troviamo Forza Italia e Alternativa Popolare che si dichiarano contrari ed infatti hanno proposto alcuni emendamenti al testo di legge, ma lasciano libertà di coscienza ai propri militanti in fase di voto finale, realizzando così uno dei più classici ossimori politici che tanto ricorda le convergenze parallele di Moro. (altro…)

Decalogo contro la pillola RU486

Minacce alla vita
1. Un aborto è sempre un aborto. La modalità – chimica o chirurgica – con cui si realizza non cambia la sua natura di “delitto abominevole”, poiché non varia la volontarietà di provocare la eliminazione di un essere umano innocente.

2. L’ aborto chimico non è meno pericoloso per la salute della donna. Le notizie accertate di 29 morti riferibili direttamente all’uso dell’Ru 486 sono un dato che mostra come questa metodica sia dieci volte più pericolosa di quella chirurgica per la salute della donna. Ovviamente, entrambe sono ugualmente letali per la vita del concepito.

(altro…)

RU-486: l’infanticidio mal celato

Minacce alla vita

L’RU486 ovvero: l’infanticidio non sarà che un aborto a nove mesi

L‘appello referendario a trattare l’embrione di un essere umano come un’appendice dei nostri desideri ha raccolto il consenso di un elettore su quattro a metà giugno.
La cosa potrebbe non avere un grande valore, perché su simili questioni in linea di principio non ci si dovrebbe contare: l’etica pubblica non è un’appendice della politica e della statistica elettorale, è piuttosto cultura e pensiero per i non credenti, religione e fede per i credenti. Ed è angoscia esistenziale per tutti, o dovrebbe esserlo.
La decisione su vita e morte di un essere umano concepito richiederebbe altre procedure che non il consenso della maggioranza.
Per esempio un potere affidato ai "saggi", indipendente in modo rigoroso dalle pulsioni della politica di massa. Fino a ieri si tutelava con le Authority indipendenti e sovrane come Bankitalia perfino la moneta o la stabilità delle banche, valore superiore ad ogni altro nel mondo contemporaneo; e sulle tasse non è ammesso referendum per chiari motivi di conflitto di interessi in seno al popolo elettore. 

Esistono dunque le procedure che sottraggono alla volatilità dell’opinione le cose ferme, le questioni importanti: ma quella della vita è evidentemente e stranamente meno importante della vita del denaro).

(altro…)