Eutanasia in Italia: cosa succederà il 24 settembre?

Eutanasia

Sharing is caring!

EUTANASIA: proporre il male minore è sempre male

Sintesi del comunicato emesso l’11 luglio 2019 dal Comitato Verità e Vita ([1])
con aggiornamenti e link di approfondimento cliccabili

 

Il pretesto. Il 24-2-17 Marco Cappato (un attivista radical-socialista) assiste un disc jockey nell’atto di suicidarsi ([2]). Successivamente si autodenuncia per indurre a legiferare sul fine vita ([3]).

Arriva la legge. Il 22-12-17 il Governo PD promulga la Legge n. 219 sulle “Norme in materia di consenso informato e di disposizioni anticipate di trattamento” ([4]).

Sfida al Parlamento. Il 24-10-18 la Corte costituzionale emette l’ordinanza n. 207/2018  con la quale chiede al Parlamento di modificare, entro il 24/9/19, la norma sull’aiuto al suicidio ([5]). Se entro tale data non avverranno modifiche legislative, la Corte costituzionale si riserva di modificare, parzialmente o totalmente, l’art. 580 del Codice penale.

La Corte costituzionale ha già deciso? La richiesta dell’ordinanza n. 207/2018 è, infatti, di agevolare per via legislativa «condizioni di attuazione della decisione di taluni pazienti di liberarsi delle proprie sofferenze … anche attraverso la somministrazione di un farmaco atto a provocare rapidamente la morte» ([6]).

I cattolici incontrano i partiti. L’11-7-2019 trenta associazioni pro-vita incontrano alcuni gruppi parlamentari. Purtroppo, prevale la linea del “cedere per non perdere” ([7]) che si concretizza nella proposta di legge dell’On. Pagano (Lega) intesa ad attenuare le pene di chi aiuta a suicidarsi ([8]).

La CEI tentenna… come accadde nel 2004 (fecondazione assistita). Il 13-7-19, in una intervista rilasciata dal Card. Bassetti al proprio quotidiano Avvenire, insieme a tante cose buone e giuste, il Presidente della CEI apre alla proposta Pagano suggerendo di “differenziare e attenuare – non depenalizzare! – in alcuni casi la previsione sanzionatoria all’aiuto al suicidio” ([9]).

Il CNB non decide nulla (come al solito). Il 18-7-2019, il Comitato Nazionale di Bioetica (organo consultivo del governo), redige un parere sul suicidio assistito che si limita a fotografare le diverse posizioni al suo interno ([10]). Tuttavia, i mass-media lo stravolgono in direzione dell’eutanasia ([11]).

I cattolici del “male minore” in difficoltà. Il 31-7-2019 un giudice costituzionale, aderente al Centro Studi Livatino, prende le distanze dalla proposta di legge Pagano ([12]).

Che fare? Il tempo è poco. Occorre fare pressione sui parlamentari della propria provincia per far ritirare l’inaccettabile proposta dell’On. Pagano.
Se tra essi vi sono dei pro-vita, approfittare dell’occasione per chiedere di intervenire decisamente sulla legge 219/2017 eliminandone ogni aspetto contrario all’etica ([13]).

 

Comitato FattiSentire.org
Bologna, 5/8/2019

 

[1] http://www.comitatoveritaevita.it/pub/comunicati_read.php?read=462

[2] http://lanuovabq.it/it/fabo-un-omicidio-politico

[3] http://lanuovabq.it/it/un-copione-radicale-per-un-film-gia-visto

[4] http://www.difenderelavita.org/mons-crepaldi-sulle-dat-molti-cattolici-hanno-taciuto/

[5] https://www.vanthuanobservatory.org/ita/ordinanza-n-2072018-della-corte-costituzionale-invito-a-cena-al-parlamento-con-delitto-eutanasico-articolo-di-marco-ferraresi-presidente-unione-giuristi-cattolici/

[6] https://www.cortecostituzionale.it/actionSchedaPronuncia.do?anno=2018&numero=207

[7] http://lanuovabq.it/it/eutanasia-deputati-cattolici-difendete-larticolo-580

[8] http://www.lanuovabq.it/it/suicidio-legge-si-o-legge-no-cattolici-a-confronto

[9] https://www.avvenire.it/famiglia-e-vita/pagine/bassetti-no-eutanasia-e-morte-assistita

[10] http://lanuovabq.it/it/suicidio-assistito-comitato-di-bioetica-non-ha-detto-si

[11] http://bioetica.governo.it/it/comunicazione/notizie/precisazione-sul-parere-riflessioni-bioetiche-sul-suicidio-medicalmente-assistito/

[12] https://www.facebook.com/giacomo.rocchi.545/posts/2979263405631601

[13] http://lanuovabq.it/it/consulta-le-aspettative-ci-spingono-a-giocare-dattacco

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *