Eva Vlaardingerbroek: «Liberarsi del neo femminismo e ritorno ai veri valori dell’Europa»

Lascia un commentoConferenze,Famiglia

Durante la conferenza del FVD, partito conservatore olandese di centrodestra nel novembre 2019, è intervenuta Eva Vlaardingerbroek una giovane di 23 anni, laureata in giurisprudenza e dottoranda in Filosofia del Diritto. Il suo discorso ha suscitato molte polemiche in Olanda, dove è stata definita «serva della destra radicale» e «suprematista bianca».

Ma cos’ha detto di così scandaloso?

Eva ha iniziato dalle polemiche furiose suscitate dal titolo della sua relazione “Pericoli del femminismo”. «Come puoi, come donna, essere contro il femminismo? Senza il femminismo non potresti votare, non avresti il ​​diritto di lavorare» e nemmeno il diritto di stare su quel palco.
Secondo Eva, però, il femminismo oggi non ha più nulla a che fare con queste cose.

Anzi, a causa del femminismo moderno, queste libertà fondamentali sono a rischio. E per dimostrare questo paradosso ha esaminato la tipologia dei messaggi presenti ad una classica “marcia delle donne”: le bandiere antifa, arcobaleno, palestinesi e comuniste e gli slogan, da “Morte al Patriarcato!” a “Tutti gli uomini fanno schifo!” e “Tutti i rifugiati sono i benvenuti!”.

(altro…)

Registro Dat, uno strumento inaffidabile e nemico della libertà

Lascia un commentoEutanasia,Legislazione nazionale

Il ministro Speranza ha presentato la riforma che introduce il registro per le DAT (Disposizioni Anticipate di Trattamento), praticamente un testamento biologico.
Una libertà in più per la persona? No, un modo peggiore per morire.
Ecco un utile elenco di studi che dimostrano come le disposizioni siano uno strumento assolutamente inaffidabile

—–

“Ho appena firmato il decreto sulla banca dati nazionale per le Disposizioni Anticipate di Trattamento (Dat). Con questo atto la legge approvata dal Parlamento è pienamente operativa e ciascuno di noi ha una libertà di scelta in più”. Parola di Roberto Speranza (PD-LeU), ministro della Salute – che oltre alla salute si occupa anche di morte – il quale su Facebook ha così annunciato un decreto attuativo della legge sulle Dat (219/17) che molti pro-eutanasia attendevano da tempo.

(altro…)

Depredati cuore e fegato al bambino scosso dalla madre

2 CommentiMinacce alla vita

Le cronache di questi ultimi giorni dell’anno hanno riportato il caso del bambino di cinque mesi scosso violentemente dalla madre, una donna di 29 anni originaria del vicentino la quale, nel tentativo di calmare il pianto del piccolo, l’avrebbe cullato troppo forte provocandogli gravissimi danni cerebrali e neurologici.

In seguito alla chiamata fatta al 118 dalla madre stessa, il bimbo è stato ricoverato all’ospedale di Padova e le sue condizioni sono sembrate subito molto gravi, anche se un’Angio TAC disposta dai medici della terapia intensiva aveva riscontrato la presenza di flusso sanguigno al cervello.

Purtuttavia, in tutta fretta è stata chiamata una commissione medica formata da un neurologo, un’anestetista e un medico legale con il compito di valutare la eventuale morte cerebrale del bambino.

Le cronache riferiscono che dopo un secondo e approfondito esame della commissione che aveva dichiarato la morte cerebrale del piccolo, sono state staccate le macchine che lo tenevano in vita e cuore e fegato sono stati espiantati.

(altro…)

l’Emilia-Romagna si accoda nell’eliminazione dei bimbi Down?

1 CommentoLegislazione locale,Minacce alla vita

L’eugenetica fa passi da gigante anche in Italia, non ci sono solo i Paesi dell’America o dell’Europa del Nord. La conferma arriva dall’Emilia Romagna, che in un comunicato diffuso il 6 dicembre sul sito Internet della Regione si vanta dell’introduzione di nuovi test per la diagnosi prenatale.

Si tratta del cosiddetto Nipt (Non invasive prenatal testing), che la giunta di centrosinistra guidata da Stefano Bonaccini presenta come «un test di screening innovativo, non invasivo (un semplice prelievo di sangue) e sicuro per donna e feto. Che consente di prevedere con un alto grado di attendibilità alcune alterazioni dei cromosomi, e cioè le trisomie 21 (sindrome di Down), 18 (sindrome di Edwards) e 13 (sindrome di Patau), già dalla decima settimana di gestazione».

(altro…)

Suicidio assistito, l’obiezione di coscienza non reggerà

Lascia un commentoEutanasia,Legislazione nazionale

di Tommaso Scandroglio

La Corte Costituzionale ha pubblicato la sentenza sull’incostituzionalità di parte dell’articolo 580 del Codice penale. A determinate condizioni, l’aiuto al suicidio non è più penalmente perseguibile e quindi è stato stabilito un diritto soggettivo a ottenerlo. Eppure la Consulta ha riconosciuto l’obiezione di coscienza a favore dei medici (ma non della struttura ospedaliera), che però contraddice le premesse da cui sono partiti i giudici. Che si basano sulla legge sulle Dat, dove l’obiezione di coscienza non c’è. Ergo, è destinata a essere spazzata via dai disegni di legge all’esame del Parlamento, causando l’eutanasia anche della libertà dei medici.

Brevissima sintesi della recente vicenda giudiziaria che ha interessato il reato di aiuto al suicidio ex articolo 580 del Codice penale.
– Nel febbraio del 2017 il leader radicale Marco Cappato accompagna Dj Fabo in Svizzera e nella clinica Dignitas quest’ultimo trova la morte.
– Cappato si autodenuncia per il reato di aiuto al suicidio.
– Si apre un processo a suo carico che successivamente si arresta perché i giudici chiedono alla Corte Costituzionale di verificare la legittimità costituzionale dell’art. 580 cp.
– Nell’ottobre del 2018 la Consulta, con una ordinanza, chiede al Parlamento di legiferare in materia affinché il reato di aiuto al suicidio sia depenalizzato in alcuni casi.
– Passa quasi un anno, ma il Parlamento non vara nessuna legge al riguardo e così la palla, a settembre di quest’anno, ritorna alla Consulta, la quale in una nota indica le condizioni nel rispetto delle quali il suicidio assistito non ha più rilievo penale.

(altro…)

Un nuovo caso di medico abortista pentito

Lascia un commentoMinacce alla vita

Ex medico abortista: ho ucciso più persone di Ted Bundy*
(*il più noto serial killer americano)

Un altro medico abortista che ha capito la gravità di quanto faceva e racconta la sua testimonianza di “conversione pro-life” in giro per l’America. Come in un altro caso di cui vi abbiamo raccontato in precedenza anche per questa dottoressa, che nel video confessa di aver praticato tra i 500 e i 1.000 aborti, ha avuto un grande impatto la riflessione sul ruolo dei medici nazisti che, in spregio alla vocazione medica di salvare vite, uccidevano altri esseri umani. Se ne parla in questo articolo pubblicato su Lifesitesnews.

(altro…)

Dittatura gender: l’omotransfobia è approdata in Parlamento

Lascia un commentoideologia gender,Legislazione nazionale
I parlamentari Cirinna e Zan, esponenti del PD porcaccione.

Proposta Zan, un nuovo ddl Scalfarotto

Come volevasi dimostrare: dopo l’approvazione in otto Regioni (ultima l’Emilia-Romagna)  le leggi regionali sull’omotransfobia diventano una vera legge nazionale: con tanto di reati e sanzioni.
_____

La Commissione Giustizia della Camera si è riunita lo scorso 24 ottobre per esaminare il testo della proposta di legge dell’onorevole Alessandro Zan (PD), voluta per contrastare l’«omotransfobia», come si può leggere nell’introduzione della proposta medesima.

Il provvedimento intende modificare in senso estensivo due articoli del Codice Penale: il primo, l’art. 604 bis cp, sanziona, tra le altre, quelle condotte volte a discriminare o a commettere atti di violenza per motivi razziali, etnici, nazionali o religiosi; il secondo, l’art. 604 ter cp, prevede delle aggravanti per alcuni reati se commessi per finalità di discriminazione o di odio etnico, nazionale, razziale o religioso.
La proposta Zan vuole aggiungere come motivazioni degne di una risposta sanzionatoria dello Stato anche quelle legate all’orientamento sessuale, leggasi omosessualità, e all’«identità di genere», leggasi transessualità.

(altro…)

La “cura” Trump funziona, 900 cliniche abortiste senza fondi

Lascia un commentoLegislazione nazionale,Minacce alla vita
Clicca sulla foto per ingrandirla

La prima cosa da fare quando si vincono le elezioni? Togliere i fondi a chi favorisce una cultura opposta a quella del vincitore.
I social-comunisti lo han sempre fatto: è per questo che vincono. Ora lo sta facendo facendo Trump.
Quando capiremo che ogni contributo lasciato ad organizzazioni di sinistra produrrà meno voti per i partiti di centro-destra?
In Italia lo capiremo o continueremo ad aver paura di esser divisivi?

La cura Trump contro l’aborto funziona: sono ormai circa 900 le cliniche abortive, cui il governo americano ha tolto i fondi federali, grazie alle novità legislative recentemente introdotte in materia.

(altro…)

I “paletti” per l’eutanasia? Bugia per l’autodistruzione

1 CommentoEutanasia

Mentre il Parlamento italiano si prepara a legiferare secondo quanto deciso dalla Consulta, ossia che il suicidio assistito deve essere legale in certi casi, come la sofferenza fisica o psicologica intollerabile, il National Council on Disability (un’agenzia federale che fornisce consulenza al presidente e al Congresso americani) ha pubblicato un rapporto che dimostra come la morte di Stato non introduca una libertà di scelta ma invece spinga i malati ad uccidersi, precisando che i paletti legislativi non servono ad arginare la deriva.

(altro…)

Molta contraccezione = molti aborti

Lascia un commentoDocumenti autorevoli

Di fronte all’aumento di aborto e delle vendite di pillole abortive si pone una domanda: è davvero utile l’uso degli anticoncezionali?

In Svezia, nel solo 2018, sono stati uccisi nel grembo materno quasi 36.000 bambini, secondo le segnalazioni ufficiali raccolte dal National Board of Health. Una cifra, questa, che posta in relazione al numero di donne del Paese scandinavo in età compresa tra i 15 e i 44 anni significa un numero di 19 aborti ogni 1.000 donne.

Più della metà degli aborti – legali fino alla diciottesima settimana senza motivazione, con possibilità di arrivare fino alla ventiduesima settimana – è stata effettuata entro la settima settimana di gestazione e nel 93% dei casi si è ricorsi alla procedura farmacologica, con anche un aumento degli aborti effettuati a casa.

(altro…)